Tenuta delle Terre Nere

Tenuta delle Terre Nere

La Tenuta delle Terre Nere ad oggi possiede vigneti in quattro contrade – Calderara Sottana, Guardiola, Santo Spirito e Feudo di Mezzo. Fin dalla prima vendemmia del 2002 vinifica le uve ed imbottiglia i vini delle sue contrade separatamente, prima azienda a voler esprimere nella loro purezza le virtù poliedriche dell’Etna. Tutte le vigne di proprietà sono ubicate nel versante nord dell’Etna, nei comuni di Castiglione di Sicilia e Randazzo. Più precisamente tra i 600 e i 900 metri s.l.m. nella fascia collinare che si estende tra la frazione di Solicchiata e Randazzo, tradizionalmente riconosciuta la zona principe per il Nerello Mascalese. Data la scarsità di uve bianche in zona, l’azienda acquista alcune partite anche nei comuni di Milo e Biancavilla. L’azienda produce due versioni di Etna Bianco. Uno dall’assemblaggio di Carricante, Catarratto, Grecanico e Inzolia. Uno, in quantità molto limitata, di solo Carricante, fermentato ed affinato in legno, concepito per un lungo invecchiamento. L’Etna Rosso di elevatissima qualità deriva dalla vinificazione di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio, da vigne sia giovani che vecchie provenienti da tutti i vigneti di proprietà, e anche da vigne in conduzione e da uve acquistate. Di Nerello Mascalese e Cappuccio è anche il nostro Etna Rosato, anch’esso vino di grande pregio e ormai ricercatissimo per la sua particolarissima natura, luminosa e minerale. Le uve provenienti dalle vigne più vecchie delle quattro contrade sono vinificate e imbottigliate separatamente dopo circa 18-20 mesi di affinamento in legno, e rappresentano il fior fiore della produzione. Una parola speciale va al nostro Etna Rosso Prephylloxera, proveniente da un piccolissimo appezzamento in Contrada Calderara Sottana le cui viti sono sopravvissute alla fillossera

pagamenti